Maurizio Pescari
G
iornalista
enogastronomo
N
el vino c’è davvero bisogno di cose vere, è un mondo che sta tornando alla
normalità, dopo sbornie mediatiche che hanno portato a sopravvalutare
certi prodotti. E’ tutto il settore dell’enogastronomia che da tempo offre un
panorama confuso, furbo, adatto più ad abbindolare il consumatore, piut-
tosto che ad informarlo. In libreria ed in edicola troviamo decine e decine di pubblicazio-
ni dove personaggi noti (spesso per altro…) diventano improvvisamente scrittori, maestri
di cucina ed ispirati interpreti delle solite ricette. Sono le regole della comunicazione ad
aver offerto ad alcuni la possibilità di sfruttare per un po’ di tempo l’onda della celebrità
acquisita. La comunicazione è stata strumento d’inganno, capace di abbandonare la
realtà pur di far …notizia.
I tempi sono cambiati, stiamo tornando alla normalità con una capacità di scelta, soprat-
tutto del vino, completamente diversa e più consapevole ed in tutto ciò trova spazio l’idea
semplice e bellissima di lasciare sulla carta le ricette di Nonna Marcella, la signora Go-
retti, anima della Cantina perugina guidata dai fratelli Stefano e Gianluca. Leggendo lo
scritto, si ripercorre il filo conduttore della storia della cantina, dove la signora Marcella è
sempre stata protagonista elegante e sincera, come il suo sorriso, ed anima vera della vita
quotidiana dell’azienda, diventata casa, di una famiglia, allargata a tanti clienti. Dalle
ricette riaffiorano i ricordi, i profumi, i sapori e le tante chiacchiere fatte in compagnia,
intorno alla tavola ben imbandita nelle occasioni di festa che il vino offre.
M
aurizio
P
escari
254
1...,22,23,24,25,26,27,28,29,30,31 33,34,35,36